Il Manchester United ce la fa, ma tutta Europa dice ‘Bentortnata Ajax’

Sarà una finale tra due grandi d’Europa: sarà Ajax contro Manchester United. Sì, avete capito bene, da una parte gli olandesi che dopo ben 21 anni tornano a giocarsi una finale europea, dall’altra i Red Devils che da qualche anno erano a secco di grandi prestazioni internazionali.

Tutto più o meno facile per il Manchester United di Mourinho e Pogba. I Red Devils hanno dovuto fare i conti con l’infortunio di Ibrahimovic, che ha posto fine alla stagione della stella svedese, e con un campionato dove l’obiettivo del quarto posto è ormai quasi accantonato. Eppure in Europa League lo United non sbaglia. A Vigo contro il Celta è stato 1-0 con rete di Rushford su punizione. Nel ritorno è stato Fellaini a spegnere i sogni degli spagnoli, riaccesi nel finale dal pareggio dell’ex fiorentino Roncaglia. Ma alla fine nessuno nega la finale alla squadra di Mourinho, che in una stagione non eccezionale, ha comunque la possibilità di aggiungere questo trofeo alla Community Shield e alla Coppa di Lega già conquistati.

Festa grande per l’Ajax, che non tornava in una finale europea dal 1995/96. Erano i tempi dei vari Litmanen, Kluivert, Overmars, dei fratelli De Boer, Davids, ecc. Quell’Ajax faceva parte di quel ciclo iniziato con la Coppa Uefa vinta ai danni del Torino nel 1991/92 e che per poco meno di un decennio fece rivivere nei lancieri gli anni di Cruyff e del calcio totale. Bene, l’Ajax di una nuova pletora di giovani terribili è di nuovo in finale in Europa League. Finale ipotecata dopo uno spettacolare 4-1 in casa rifilato al Lione. Eppure il ritorno in terra francese è stato rischiosissimo. Prima il gol di Dolberg, che sembra chiudere col lucchetto la porta della finale ai transalpini. Poi due gol di Lacazette e uno di Ghezzal a 10 minuti dalla fine riaprono tutto e portano il Lione sul 3-1 e a un solo gol dai supplementari. Ma alla fine i lancieri reggono. Sarà finale d’altri tempi in quel di Stoccolma: Ajax contro Manchester United.

The following two tabs change content below.

Mario Grasso

Giornalista pubblicista, abilitato all'esercizio della professione di avvocato. Laureato in Giurisprudenza presso l'Università Roma Tre, ha frequentato il Master in Giornalismo e Giornalismo Radiotelevisivo presso la Eidos Communication srl. -- Oggi è redattore e conduttore per un sito di informazione locale della Campania. Esperienze passate: redattore presso CLASS TV, SPORTMEDIASET (sito internet), collaboratore esterno per OTTOPAGINE (quotidiano locale), praticante avvocato.

Commenti

comments