Sempre più Real Madrid. Barça demolito con e senza CR7: è Supercoppa

Ormai nessuno ferma più questo Real Madrid. I Blancos, dopo il campionato e la Champions di maggio e dopo la Supercoppa Europea di poche settimane fa, si portano a casa anche la Supercoppa di Spagna, quarto trofeo nell’anno solare, secondo nella stagione in cui si punta al “sextete”.

Il Barcellona, privo di Neymar, venduto a cifre da record al PSG, non può far nulla contro la furia madridista che si abbatte prima al Camp Nou e poi al Bernabeu. L’andata, come di consueto, si gioca in casa di chi ha vinto la Coppa di Spagna e quindi il primo round, pochi giorni fa, è stato a Barcellona. Primo tempo di studio, poi un’autorete di Piqué spiana la strada al Real. Un rigore dubbio, trasformato da Messi, riapre i giochi, ma due eurogol nel finale, prima del solito Ronaldo e poi del giovanissimo talento Asensio, chiudono la pratica. Finale turbolento con Ronaldo insiegabilmente espulso per simulazione e che si becca anche la stangata del giudice sportivo per aver spintonato l’arbitro.

Si arriva comunque al ritorno di Madrid con una certa tranquillità, forti del 3-1 dell’andata, che obbliga i catalani a vincere 3-0 nella casa dei Blancos. Ma il discorso viene chiuso immediantamente. Asensio regala un’altra perla dopo appena 4 minuti di gioco e la partita è già chiusa. Poi Benzema raddoppia e la sfida diventa solo un lento e inesorabile countdown all’ennesimo trionfo Real.

The following two tabs change content below.

Mario Grasso

Giornalista pubblicista, abilitato all'esercizio della professione di avvocato. Laureato in Giurisprudenza presso l'Università Roma Tre, ha frequentato il Master in Giornalismo e Giornalismo Radiotelevisivo presso la Eidos Communication srl. -- Oggi è redattore e conduttore per un sito di informazione locale della Campania. Esperienze passate: redattore presso CLASS TV, SPORTMEDIASET (sito internet), collaboratore esterno per OTTOPAGINE (quotidiano locale), praticante avvocato.

Commenti

comments